giovedì 20 febbraio 2014

New Amori - puntata 8

new

disegno by dreamer - in camporella /nei greppi

Comunque tu, Lola, sei proprio antica!” continuava Barbara, che di colpo non aveva più intenzione di chiudere la conversazione.”
E perché?”

Perché guarda anche qui su Facebook, parlano di 'amici di sesso' e non c'è niente di male, è quello che si fa normalmente...”
Posso essere libera di pensarla come mi pare?” si alterava Lola. Non poteva certo dire che era pentita di essersi impegnata con Sam, che avrebbe voluto fare la vita libera e allegra di tutte le altre ragazze... ma era così. Quanti rimpianti.

Dopo un breve silenzio: “Tanto non riesci a convincermi!” scherzò. 
E invece pensava: “Tu, cara, non hai proprio idea dei problemi che ho io, non posso sganciarmi da questa situazione, sono ormai condannata...”
Ora ti do la buonanotte, Barbara. Ti richiamo per la cena, che forse andiamo al ristorante. Ce n'è uno grazioso al porto, ci facciamo dare una saletta privata e chiacchieriamo di uomini!”
E di amici di sesso! Ah ah ah!” la stuzzicò l'altra. “Sì, ci sentiamo, notte!”

foto di Nadia Semprini.
Lola e Bambi... - by dreamer

Un sospiro. Per fortuna avevano finito di parlare. Stare a contatto con le ragazze ancora single le faceva venire un nervoso! Loro erano libere, erano spigliate e non si vergognavano di niente. Tutti i valori, la morale, il pudore, che tanto pesavano nella vita di Lola, erano solo parole, noiose raccomandazioni dei bigotti. Loro se ne fregavano, ma che bello!

Si guardò allo specchio. A parte i capelli viola che le conferivano un po' di carattere, era una donna vecchia, dallo sguardo spento. Che non aveva proprio nulla da offrire, ormai. E la parentesi col ragazzino era stato solo uno sbaglio, cioè era lui che si era sbagliato! Cosa poteva mai trovarci in lei? Non era una modella come Jessie e nemmeno una ragazza sveglia e di bella presenza come Barbara. Con quei bellissimi capelli rossi...

     
la mora modella Jessie - by dreamer

Barbara appariva una donna (a 25 anni poteva dirsi tale) estremamente concreta e razionale. Molto stimata sul lavoro, aveva già un ruolo dirigenziale. Tutti la ammiravano per la sua grande intelligenza e forza d'animo. E a nessuno importava cosa facesse la sera, quanti ragazzi si portasse nel letto o quali perversioni gradisse.

Lola non riusciva a capire perché, invece, la sua vita era stata piena di influenze, di rotture di scatole, di persone che le dicevano cosa fare e come farlo... Non era molto più grande di Barbara eppure sembrava caduta lì da un altro pianeta!
Sarà stata l'educazione in patria, erano tutti molto religiosi e bisognava portare molto rispetto ai genitori. Quello che dicevano, bisognava farlo.” spiegava a volte
al suo guru e santone, che cercava di curare le ferite della sua anima. 

terrazza sull'Adriatico - by dreamer

Lui era molto gentile e paziente. Nei loro mesi di terapia, aveva saputo portarla a una coscienza superiore, a sentirsi profondamente femmina e seducente. Lei era splendida e si sentiva una pantera, quando aveva conosciuto Bambi. 

Ora il crollo. In quel momento né il guru, né il ragazzetto avrebbero potuto riconoscerla. Era regredita in una giornata di almeno due anni! E stava affogando nei ricordi, negli sbagli, nel passato distrutto e catastrofico... Se solo lo avesse chiamato, sicuramente avrebbe saputo arginare la potente disperazione che la avvolgeva, come acqua torbida che ti arriva alla gola.

Si va avanti ....
Senza il suo guru, andava bene anche la filosofia dei telefilm in tv, di "Una mamma per amica"...

Lola piangeva, nella sua grande camera di Villa Rover. Colori pastello, fantasie provenzali per pareti e tende, un enorme letto a baldacchino, mobili antichi, scuri e incombenti che le facevano paura. Poltrone, tappeti, quadri floreali. Nemmeno lì, come a casa della madre, poteva muovere una virgola. Se anche sistemava la sedia e il tavolino a consolle davanti alla finestra per poter disegnare, quando passava la servitù tornava tutto a posto. Irritante. 

materiale di Lola per creare la sua moda (scherzo!) - by dreamer 

Ma era proprio una sciocchezza paragonata ai suoi trascorsi.
La sua giovinezza era stata una continua rinuncia: “Lo farai quando sarai più grande! Le ragazze che bruciano le tappe sono delle prostitute”. Quindi non aveva potuto provare le gioie del sesso, ed era arrivata a 30 anni con un curriculum spaventoso. Aveva avuto soltanto due (e con quel due intendeva tutto, non come certe che escludono dal conteggio certi lavoretti intermedi, oppure le feste dove lo facevano tutti, oppure ancora le volte che non erano sobrie...), sì, soltanto due uomini. E uno era Sam.

Se ne vergognava, faceva fatica a parlarne, e tanto nessuno ci credeva. 
“Comportati bene così ti sposi!” ripeteva la madre. Come se dovesse prendere marito nella ristretta cerchia dei ragazzi del villaggio. Dove si sa tutto di tutti e se perdi la faccia sei rovinata... Invece era finta dall'altra parte del mondo, dove il suo fidanzato, a questa storia della purezza, non ci aveva mai creduto.

foto di Nadia Semprini. foto di Nadia Semprini.
Personaggi Mii - riconosciamo in verde Virgi, in nero Lola...

Una volta che la strada è aperta, che ne so quanti ne sono passati? Puoi dire il numero che ti pare...” le aveva detto Sam, già acido e insensibile fin dai primi tempi. Lola chiaramente si sentiva truffata da tutte quelle regole, tutti i divieti che aveva osservato coscienziosa. Fare la brava per cosa? Non si era divertita e le davano comunque della puttana.
Aveva detto tanti no, e sarebbero stati certo di più se fosse uscita la sera, se avesse frequentato gente in contesti diversi. Gruppo di preghiera, coro, ricamare, collegio femminile, non erano il massimo per folleggiare...
Era stata ingannata, da gente che invece da giovane si era divertita tanto, dalle persone tutte casa e chiesa che ostentavano in pubblico la loro perfezione, ma di nascosto occupavano il tempo a fare peccati.

Vista così la religione poi, che assurdità. Troppo comodo: il confessionale era una lavatrice da cui uscire puliti e innocenti... Come l'aveva interpretata lei, leggendo da sola la Bibbia e ragionando sulle parole del prete, era fatta di precetti da rispettare davvero, pena l'inferno.

  
ricamo a punto croce vs la leggerezza dei non valori - by dreamer

Non uscendo mai e non conoscendo quindi la condotta degli altri, pensava ingenuamente che fossero tutti bravi e diligenti, persone che non peccavano. Si vedeva subito da come se ne stavano a testa alta, al cospetto del Signore.

Lei camminava con lo sguardo basso. Non riusciva più ad entrare in chiesa e si sentiva indegna. Non si era mai perdonata di aver fatto sesso prima del matrimonio, quell'unica volta, con suo cugino Josè.

Potrebbe essere il cugino José... invece sono Jessie e Paxù, il protagonista di un'altra bellissima storia!
E poi stanno per incontrarsi allo strip club... Continuate a leggere!!!

foto dei Colli Pesaresi by dreamer

A presto!!!
Ve ne parlerò, ciao ciao



Nessun commento: